IPG per lavoratori indipendenti

I lavoratori indipendenti che subiscono una perdita di guadagno a causa di una chiusura di attività o del divieto di svolgere manifestazioni ordinati dal Consiglio federale sono particolarmente colpiti dalle misure contro la propagazione del coronavirus. Nella sua seduta del 16 aprile 2020, il Consiglio federale ha deciso di ampliare il diritto all’indennità di perdita di guadagno per il coronavirus. Potranno quindi beneficiare dell’indennità anche i lavoratori indipendenti che sono colpiti solo indirettamente dai provvedimenti ordinati dalle autorità per combattere la pandemia, come ad esempio i tassisti, i quali, pur potendo continuare a lavorare, hanno meno lavoro o non ne hanno più.

 

Chiusure aziendali ordinate dalle autorità

Possono vantare dei diritti, ai sensi della LAVS (ditte individuali o società collettive), i lavoratori indipendenti direttamente interessati da chiusure aziendali. Si tratta di aziende appartenenti alle seguenti categorie:

  • negozi senza merce per uso quotidiano e mercati
  • imprese del settore della ristorazione
  • bar, discoteche, locali notturni ed attività erotiche
  • strutture ricreative e per il tempo libero: musei, biblioteche, sale cinematografiche, sale per concerti, teatri, case da gioco, centri sportivi, palestre, piscine, centri benessere, stazioni sciistiche, giardini botanici e zoologici e parchi di animali
  • strutture che offrono servizi alla persona con contatto corporeo quali parrucchieri, saloni di massaggio, studi di tatuaggio e centri estetici

 

Perdita di guadagno a causa del divieto di svolgere manifestazioni

Artisti e musicisti indipendenti sono colpiti dal divieto di svolgere manifestazioni. Se le loro esibizioni o i loro concerti sono stati annullati o se hanno dovuto annullare eventi in programma, operatori culturali e musicisti indipendenti hanno diritto all’indennità per perdita di guadagno. Il diritto derivante dal divieto di svolgere manifestazioni continua per il momento a sussistere, anche se le manifestazioni con un numero contenuto di persone sono nuovamente autorizzate.

 

Aziende colpite indirettamente 

Altre imprese di lavoratori indipendenti come insegnanti di musica, insegnanti di danza, istruttori di guida ecc., la cui professione non è esplicitamente elencata, ma sono comunque coinvolti dall'ordine di chiusura, possono richiedere anche l'IPG per lavoratori indipendenti. Per fare ciò, selezioni nella rubrica "Altro" e inserisca nell'applicazione il suo esatto titolo professionale. Questo vale per:
  • Lavoratori autonomi che, non rientrando nell'art. 6 cpv. 1 e 2 dell'ordinanza 2 COVID-19, non hanno dovuto chiudere la loro attività a causa delle misure ordinate dalle autorità, ma che subiscono una riduzione di reddito a causa del ristagno generale dell'economia (ad es. tassisti, albergatori, fotografi, fisioterapisti). La condizione è che il reddito da attività lucrativa soggetta ai contributi AVS nel 2019 sia superiore a CHF 10'000.-, ma non superiore a CHF 90'000.-. Il diritto per questo gruppo si termina il 16 maggio 2020.
  • Lavoratori autonomi colpiti da una perdita di guadagno dovuta all'annullamento di un evento. L'indennità può ora essere versata per tutta la durata delle misure ufficiali e non sarà più limitata ai giorni specifici in cui la manifestazione doveva aver luogo o al momento della sua preparazione.

Se siete titolari di una SA o Sagl, ai sensi dell’AVS siete considerati alla stregua di lavoratori. A determinate condizioni, avete diritto all’indennità per disoccupazione di breve durata.

Modulo di registrazione per i lavoratori indipendenti

 

Importo del risarcimento

L’indennità ammonta all’80% del reddito lordo medio conseguito da attività lucrativa prima dell’inizio del diritto all’indennità, per un massimo di 196 franchi al giorno. 
L’indennità per lavoratori indipendenti si calcola in base alla più recente decisione di fissazione dei contributi 2019.

Modulo di registrazione per i lavoratori indipendenti

 

In generale

  • Il pagamento dell’indennità compete alla cassa di compensazione AVS tramite la quale si conteggiano i contributi AVS.
  • Il diritto all’indennità inizia a decorrere dal momento in cui tutti i requisiti sono soddisfatti, e comunque non prima del 17 marzo 2020. Il diritto termina non appena le misure di contenimento della diffusione del coronavirus saranno revocate. Per le aziende e negozi chi hanno riaperto il 27 aprile o il 11 maggio 2020, il diritto all’IPG Corona si termina il 16 maggio 2020.
  • Per i lavoratori indipendenti che in virtù dei provvedimenti di allentamento possono riaprire la loro struttura il 6 giugno 2020, il diritto derivante dalla chiusura di strutture si estingue il 5 giugno 2020. Fanno eccezione quelli che non sono in grado di attuare il piano di protezione necessario nella loro struttura e devono dunque tenerla chiusa; essi devono rivolgersi alla cassa di compensazione e presentare i giustificativi del caso.
  • Il Consiglio federale ha adeguato l’ordinanza COVID-19 perdita di guadagno precisando che il diritto alla prestazione potrà essere esercitato al più tardi fino al 16 settembre 2020. Dopo questa data non sarà nemmeno più possibile chiedere di ricalcolare l’indennità con effetto retroattivo.

 

Maggiori informazioni

Promemoria 2.13: Coronavirus: informazioni per i datori di lavoro e gli indipendenti

Promemoria 6.03: Indennità di perdita di guadagno Corona